READY SET GO

EVG_Header_NRC_v02_M01.jpg
NikeDigital_RN_RSG_Feature_RunnerLingo_P1.jpg
SU16_RN_White.jpg

IL GERGO DEL RUNNER I termini del running da conoscere. 1 – CORSA VELOCE Indica una corsa con molti intervalli brevi e veloci. La distanza, l'andatura e il tempo di recupero degli intervalli possono essere gli stessi oppure variare. Gli intervalli sono il modo perfetto per migliorare la tua andatura più veloce. Idealmente, questo tipo di allenamento si svolge su pista, ma si può eseguire ovunque. Puoi scegliere di usare isolati, semafori o persino alberi come indicatori degli intervalli. 2 – CORSA DI RESISTENZA La corsa di resistenza è sulla lunga distanza a un'andatura moderata. È una parte essenziale dell'allenamento che aiuta il corpo e la mente ad adattarsi a distanze sempre più grandi. Questa corsa si dovrebbe affrontare come una corsa in progressione (vedi la relativa definizione). 3 – CORSA DI RECUPERO Le corse di recupero iniziano a un ritmo più lento per terminare con un'andatura più veloce. Migliorano la resistenza e abituano il corpo allo stress della corsa. Quando non sei impegnato in un allenamento sulla velocità o sulla forza, dovresti dedicarti alla corsa in progressione. 4 – CORSA IN PROGRESSIONE Le corse in progressione si inseriscono tra due giornate di allenamento intenso. Non dovrebbero essere impegnative, ma eseguite in progressione (vedi la definizione di "Corsa in progressione"). Recuperare è importante quanto allenarti duramente. 5 – FARTLEK Termine svedese per "gioco di velocità", il fartlek ti consente di lavorare su velocità e forza alternando distanza e andatura in una corsa continuativa. Una sessione di fartlek tipica consiste in un minuto di corsa a ritmo blando, seguito da un minuto di corsa intensa, ripetuti per un certo numero di minuti, chilometri o alternandoli a ogni isolato. 6 – CORSA A RITMO SOSTENUTO Questa andatura insegna al corpo a sopportare lo sforzo mantenendo un passo veloce e costante per una distanza specifica. 7 – ALLUNGHI Si tratta di scatti molto brevi e veloci studiati per migliorare la velocità complessiva senza esaurire l'energia. Non sono sprint in cui dare tutto, ma una corsa veloce e rilassata. Tra un allungo e l'altro, recupera per tutto il tempo necessario. Inizia con due o tre allunghi dopo la corsa e poi, gradualmente, aumenta. 8 – IPERPRONAZIONE Situazione che si verifica quando, al contatto del tallone a terra, il piede ruota eccessivamente all'interno al momento dello stacco del passo successivo. 9 – PR O PB Record personale o Personal Best, cioè miglior prestazione personale. Il tempo più veloce di un atleta su una determinata distanza. 10 – ANDATURA Quando i runner parlano di andatura, intendono il tempo impiegato a correre un chilometro. Quindi, con 5 minuti si intendono 5 minuti a chilometro.

NikeDigital_RN_RSG_Feature_RunnerLingo_P2.jpg