NIKE+ RUN CLUB

0922_NRC_SLP_FST0_mobile.jpg

MITI SFATATI FASCITE PLANTARE

Plantar_M01a.jpg

Questa condizione è molto comune nei runner e le sue cause possono essere complesse, ma ci sono dei modi per contrastarla.

Plantar_M02.png

Se ti è capitato di avere la fascite plantare, sai che è una cosa che non augureresti a nessuno. Quando la fascia plantare, una striscia di tessuto molto resistente che sostiene l'arco al centro del piede, si infiamma e/o è sottoposta a sforzo eccessivo, causa un dolore lancinante lungo tutta la pianta del piede, dal tallone alle dita. Spesso è più dolorosa al mattino, appena si appoggiano i piedi a terra. E, sfortunatamente per noi, questa condizione è comunissima fra i runner.
"I fattori di rischio della fascite plantare sono molti" dice Lance Walker, membro del Nike Performance Council Member, MS, PT e global performance director presso Michael Johnson Performance (MJP). "Ad esempio essere sovrappeso, avere una mobilità, stabilità o flessibilità ridotta dal collo in giù, soffrire di squilibri neuromuscolari o avere uno schema irregolare di attivazione dei glutei, per citarne solo alcuni". Se ti trovi in una di queste situazioni, l'impatto reiterato con il suolo può condizionare la tua intera catena cinetica, creare tensione sulla fascia plantare e infine portare al logoramento.
Vista la varietà delle cause, il modo migliore per stare alla larga dalla fascite plantare, e da qualsiasi altro infortunio, è diventare in generale un runner (e un atleta) più forte, più equilibrato, più flessibile e più efficiente. E questo significa probabilmente una cosa diversa da persona a persona.
Un buon modo per iniziare è analizzare la tua naturale postura durante la corsa e cercare di risolvere eventuali problemi. "Atterrare con i talloni ad alta velocità, ad esempio, può sforzare eccessivamente i tendini del ginocchio, rallentarti e creare problemi di ammortizzazione, in quanto il tallone si trova a terra davanti al corpo, mentre lo stinco va in direzione opposta", dice Walker. Atterrare al centro del piede, d'altra parte, può minimizzare l'impatto, ma richiede ulteriori esercizi, in palestra e durante allenamenti non di running, per rafforzare le anche, stabilizzare il bacino, rafforzare e mobilizzare le caviglie e stabilizzare l'arco del piede. Regolare la postura in modo da appoggiare il piede al livello delle anche e inclinare leggermente il corpo in avanti durante la corsa può ridurre il rischio di danni in tutto il corpo.
Un altro modo per minimizzare l'impatto ripetitivo che il running ha sul tuo corpo, riducendo quindi il rischio di problemi come la fascite plantare, è alternare regolarmente diversi tipi di allenamento e diversi modelli di scarpe. Ogni corsa dovrebbe avere uno scopo, che sia lavorare sulla forza, sulla velocità o sulla resistenza. Allo stesso modo, anche le scarpe hanno uno scopo. Le scarpe "Run Long" di Nike offrono maggiore ammortizzazione e migliorano l'assorbimento degli urti rendendo l'atterraggio più morbido per le articolazioni durante una lunga corsa. Le scarpe "Run Fast" ti permettono di atterrare naturalmente al centro del piede, riducendo l'impatto con il terreno e aumentando l'efficienza. Infine le scarpe "Run Strong" sono studiate per rafforzare i piedi durante la corsa. Scegliere la scarpa giusta per ogni allenamento aiuta a renderlo più efficace.

Plantar_M02.png

BREVE RIASSUNTO
La fascite plantare si presenta quando la fascia plantare, una striscia di tessuto molto forte che sostiene l'arco al centro del piede, si infiamma e/o è sottoposta a sforzo eccessivo.
Questa condizione dolorosa può essere causata da svariati fattori di rischio, come una mobilità, stabilità o flessibilità ridotte.
Diventare un runner più forte, equilibrato e flessibile può aiutare a prevenire la fascite plantare (e altri infortuni).
Anche scegliere scarpe diverse per tipi di allenamento diversi può portare dei benefici. Le scarpe "Run Long'' offrono maggiore ammortizzazione e migliorano l'assorbimento degli urti rendendo l'atterraggio più morbido per le articolazioni durante una lunga corsa. Le scarpe "Run Fast" ti permettono di atterrare naturalmente al centro del piede, riducendo l'impatto con il terreno e aumentando l'efficienza. Infine le scarpe "Run Strong" sono studiate per rafforzare i piedi durante la corsa.

SEGUI NIKE RUNNING